Note

Download dei file: poichè immagino che il 95% di voi usi Windows, i file vengono convertiti in formato MS-DOS prima di essere inviati. La differenza principale tra MS-DOS e Unix, per i file di testo, è il terminatore di linea: MS-DOS usa la coppia di caratteri CR (carriage return) e LF (line feed), mentre Unix usa il solo LF. (Se usate un Macintosh, il vostro terminatore di linea è CR). Quindi, chi usa Linux (o FreeBSD, o ...) potrebbe vedere degli strani caratteri ^M alla fine di ogni riga del file. ^M significa 'Control M', un altro nome per CR. vim(1) e less(1) possono essere configurati in modo da evitare di visualizzarli. Se, però, volete proprio eliminarli, scegliete uno qualunque dei seguenti modi: [1]  "Segmentation  fault" è il nome che, storicamente, Unix assegna a questo tipo di errori, ma non è detto che l'errore sia stato veramente intercettato dal meccanismo della segmentazione. In realtà, può darsi che il sistema non usi affatto la segmentazione (ad es., kernel Linux recenti su Intel x86).
[2]  'core' vuol dire 'nucleo' in italiano. Questo nome deriva dalle memorie a nuclei ferro-magnetici ('magnetic-core memories', o 'core memories' per brevità), una delle prime tecnologie utilizzate nella realizzazione delle memorie centrali (ogni bit era memorizzato magnetizzando in un verso o nell'altro un piccolo anello di ferrite). Quando un programma veniva interrotto per un errore, il sistema ricopiava tutto il contenuto della core memory su qualche altro dispositivo (schede perforate, stampa su carta) e passava ad eseguire un altro programma. Il programmatore poteva poi, con calma, esaminare questo 'core dump' (scarico della memoria centrale) per cercare di capire dove il suo programma aveva sbagliato. Il nome è rimasto in uso in Unix fino ai giorni nostri.
[3] sed(1) è lo Stream EDitor di Unix, che consente di eseguire una serie di trasformazioni di testo su un flusso di ingresso. Il flusso di ingresso può essere il contenuto di un file o l'output di un altro programma. La sigla '(1)' dopo il nome si riferisce alla sezione del manuale Unix che lo descrive. Se avete Linux a casa, provate man 1 sed.
[4] perl(1) (Practical Extraction & Reporting Language, oppure Pathologically Eclectic Rubbish Lister) è il linguaggio di scripting creato da Larry Wall. Il linguaggio è nato su Unix, ma è disponibile anche per Microsoft Windows. Può essere scaricato liberamente dalla rete, anche se, nel caso di Linux, la vostra distribuzione lo ha probabilmente già installato.
[5] Un server DPMI (Dos Protected Mode Interface) è un programma che fornisce una serie di servizi ai programmi scritti per MS-DOS. Tali servizi permettono al programma di passare temporaneamente dal 'modo reale' (la modalità dei processori Intel x86 usata da MS-DOS), al 'modo protetto' (la modalità dei processori Intel x86 usata, ad es., da Microsoft Windows 9x/NT/2000/XP, Linux e FreeBSD). In questo modo i programmi MS-DOS possono accedere alla memoria fisica oltre il primo megabyte. DJGPP, pur essendo un programma per MS-DOS, crea degli eseguibili che presuppongono il 'modo protetto', e quindi hanno bisogno di un server DPMI. Le varie versioni di Windows forniscono un loro server DPMI, disponibile per i programmi in esecuzione in una 'finestra DOS'.
[6] FreeBSD è uno dei diretti discendenti del sistema 4.4BSD (Berkeley Software Distribution), sviluppato all'Università della California, Berkeley, sotto la guida di Bill Joy (poi fondatore, assieme ad altri provenienti dalla Stanford University, dell'azienda che porta il nome di Stanford University Network, ovvero Sun Microsystems), principalmente per i minicomputer VAX (Virtual Address eXtension, per via della memoria virtuale) della DEC (Digital Equipment Corporation, ora comprata dalla Compaq che è stata a sua volta comprata dalla HP). FreeBSD nasce come versione per processori Intel 386 di BSD. BSD, a sua volta, si sviluppa come estensione per VAX di Unix (che, in origine, girava principalmente su macchine PDP-11, sempre della DEC), iniziata dopo che Ken Thompson stesso (ex ricercatore dei Bell Labs della AT&T e creatore di Unix) visitò Berkeley nel suo anno sabbatico.
[7] ELF (Executable & Linking Format) è un formato abbastanza diffuso per i file di tipo eseguibile. Venne introdotto in System V (la versione commerciale di Unix prodotta dalla AT&T) e successivamente adottato da vari sistemi, tra cui Linux, FreeBSD, Solaris. Microsoft Windows usa invece il formato PE (Portable Executable Format. Per Microsoft, portable significa portabile tra le varie versioni di Windows).
[8] Molti programmi di spamming visitano le pagine web alla ricerca di stringhe che somiglino ad indirizzi email, quindi è buona norma camuffare tali indirizzi. Il mio indirizzo non è camuffato, perché tanto uso SpamAssassin su tutte le mie macchine.

Unix is a registered trademark of The Open Group in the United States and other countries.
Powered by apache Powered by Gentoo Linux Powered by MySQL Powered by PHP Powered by Perl Site written in vi Valid HTML 4.01!